ATTENZIONE

La tua versione di Microsoft Internet Explorer è obsoleta e potrebbe compromettere la tua corretta navigazione. Aggiornala adesso!

Your version of Microsoft Internet Explorer is obsolete and could compromise your proper navigation. Update it now!

NATO IL: 18.03.1994
ALTEZZA: 180 CM
PESO: 67 KG
NELLA VITA: PILOTA E INDUSTRIALE

ASPIRAZIONI:

VINCERE SEMPRE E COMUNQUE, MA PRIMA DI TUTTO LAVORARE SODO COME MI HA INSEGNATO LA MIA FAMIGLIA

Laureato in Economia nella sede milanese dell’University of Buckingham, attivo nell’azienda di famiglia, Giorgio Roda condivide con gli altri uomini di famiglia (il papà Gianluca e il fratello Andrea) la passione per i motori. Classe 1994, Giorgio è stato uno studente modello ed ora può portare nuova linfa all’attività industriale che ha sempre contraddistinto la famiglia Roda, ma nello stesso tempo non dimentica il mondo delle corse.

Il suo debutto data infatti al 2009, che lo ha visto alla guida di un kart per il campionato Easykart 100cc con una partecipazione anche alla finale nazionale. Il 2010 è stato quindi l’anno del campionato italiano KF2 a bordo di un kart 125cc. A partire dal 2011 si passa dai kart alle monoposto in Formula Abarth, con il podio che più di una volta sfugge per un soffio nelle stagioni 2011 e 2012. Il 2013 è stato l’anno della maturità scolastica, ma anche di quella sportiva: nonostante abbia partecipato a sole 3 gare proprio per motivi scolastici, Giorgio ha collezionato 3 podi, tra cui la sua prima vittoria in carriera. Quando si dice ottimizzazione delle possibilità!

Nel 2014 si realizza il sogno di una vita: correre a bordo di una Ferrari. E Giorgio lo fa nel migliore dei modi, vincendo, all’esordio, il titolo continentale dell’International GT Open in classe GTS. Al suo fianco corrono Paolo Ruberti, Andrea Piccini e Marco Cioci. Proprio Cioci affianca Giorgio e Ilya Melnikov nel 2015 nell’European Le Mans Series, il trampolino di lancio per le gare di durata. La stagione si dimostra più complicata del previsto, con la sfortuna che spesso colpisce Roda e compagni. Alla fine arriva il quinto posto in classifica generale con una vittoria e un terzo posto in stagione.

Stagione da dimenticare, quella del 2016, con Giorgio che passa dal Cavallino Rampante all’elica bavarese BMW. Con BMW Team Italia, il comasco fatica a trovare il giusto feeling con la M6 GT3. La stagione finisce nel peggiore dei modi con un incidente a Spa-Francorchamps che costringe Giorgio allo stop forzato a causa di un infortunio ad una vertebra.

Ma nel 2017 la voglia di tornare in pista è tanta e Giorgio convince suo papà Gianluca ad affiancarlo nell’European Le Mans Series a bordo della Ferrari 488 GTE del team AF Corse Spirito of Race. L’obiettivo della stagione è quello di dimenticare un anno difficile e di vincere nella serie continentale di ACO, ma la sfortuna, soprattutto nella prima fa

se della stagione, allontana il sogno. Il 2018 si apre con una grande novità. Il team Proton Competition sceglie il giovane pilota comasco per la sua Porsche 911 RSR nell’European Le Mans Series e nel FIA World Endurance Championship (WEC). Nella serie continentale Giorgio sarà affiancato da papà Gianluca e dal giovanissimo talento di casa Porsche Matteo Cairoli. Anche nel WEC i comaschi Giorgio Roda e Matteo Cairoli correranno assieme, ma sulla vettura del Dempsey – Proton Racing, divideranno il sedile con il pilota di Abu Dhabi, Khaled Al Qubaisi.   

DISPUTARE LA 24 ORE DI LE MANS E’ UN SOGNO CHE SI AVVERA. FARLO CON UNO DEI TEAM PIU’ IMPORTANTI NEL MONDO PORSCHE E’ ANCORA MEGLIO.